La poesia della fede. I retroscena della lotta spirituale di Mechelangiolo nelle sue poesie religiose scelte e spiegate

La poesia della fede. I retroscena della lotta spirituale di Mechelangiolo nelle sue poesie religiose scelte e spiegate
Pagine: 103 p.
Collana: Classici toscani
EAN: 9788889264607
Autore: Domenico Giuliotti
Anno edizione: 2005
Editore: Libreria Editrice Fiorentina
Category: Classici
In commercio dal: 01/12/2000

Nella vera, tragica anima di Michelangiolo perdura, anche in mezzo a rapinose tempeste, un fondamentale spirito religioso, ho voluto tener conto soprattutto di quelle poesie dove più vibra e canta (o grida) il senso del divino, sia che tragga alimento dal platonismo cristiano-ficiniano, sia che affondi le sue radici nella pura ortodossia cattolica. Così balza netta l'incomparabile figura dello scultore poeta. La tragedia di Michelangiolo non poté cessare che con l'ultimo battito del suo cuore. Anche lui, certo, come Dante, ebbe una tenace fede religiosa; ma era, quella fede, simile ad una fiamma che, sebbene inestinguibile, fu continuamente combattuta da "contrari venti". Le rime della vecchiezza sono la sua più alta, profonda, tragica, religiosa e conclusiva poesia. E infatti, proprio durante l'ultima stagione della sua vita egli raggiunge, con la penna, quasi la stessa potenza già conseguita coi colori e coi marmi. Spirito sempre in lotta con la materia, come i suoi Prigioni incompiuti, egli canta il proprio sforzo eroico, il proprio angoscioso anelito all'infinito, a Dio.